> DSA

Centro specialistico
per le difficolta' di apprendimento

Cosa sono i DSA (e come riconoscerli)

Una definizione ...

I DSA, ovvero i Disturbi Specifici d’Apprendimento, sono disturbi del neurosviluppo, dovuti ad una disfunzione neurobiologica che impedisce al soggetto di acquisire ed usare un'abilità specifica. Le difficoltà possono riguardare la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente. Vengono definiti Specifici in quanto le difficoltà che emergono, sono circoscritte ad un'abilità particolare e non sono riconducibili ad un carente livello intellettivo generale.

In base all'area di difficoltà, essi si distinguono in:

Dislessia

Disturbo che ostacola la capacità di automatizzare la decodifica della lettura, ovvero la corrispondenza fra segni e suoni. Si manifesta con deficit nella velocità di lettura e nell'accuratezza. 

Disortografia

Disturbo della scrittura dovuto a deficit nei processi ortografici. Si manifesta pertanto con un numero di errori ortografici in numero significativamente maggiore rispetto a quanto ci si dovrebbe aspettare, in base al grado di istruzione.

Disgrafia

Disturbo della scrittura che si manifesta con una difficoltà motoria nella scrittura. Si presenta come una scrittura di difficile comprensione.

Discalculia

Disturbo del numero e del calcolo, che può manifestarsi sia come difficoltà nelle abilità numeriche di base (seriazione, riconoscimento immediato di piccole quantità, ...), sia come difficoltà relative alle procedure esecutive e di calcolo (lettura e scrittura di numeri, incolonnamento, algoritmi del calcolo scritto, ...).

Come riconoscere i DSA

INDICATORI DI RISCHIO:
scuola dell'infanzia (5 anni)

Difficoltà comunicative linguistiche:


  • scarsa conoscenza delle parole e dei significati;
  • difficoltà con filastrocche;
  • scarsa capacità di costruzione della frase;
  • difficoltà di memoria nell'apprendere le parole.

Difficoltà motorio-prassiche:


  • scarsa capacità di disegno, sia nella rappresentazione che nella riproduzione di figure geometriche;
  • scarsa manualità sia fine che globale.


Difficoltà uditive e visuo-spaziali:


  • difficoltà nel ripetere e individuare suoni, sillabe e parole simili;
  • scarsa capacità di organizzazione in giochi di manipolazione;
  • difficoltà nel ritagliare o nel costruire.

INDICATORI DI RISCHIO:
fine della prima primaria

Difficoltà nella lettura:


  • lenta decifrazione delle singole lettere;
  • incertezza nell'utilizzo delle sillabe;
  • scarso controllo del significato delle parole.


Difficoltà nella scrittura:


  • scarsa autonomia nella scrittura delle parole;
  • sostituzioni o omissioni di lettere;
  • difficoltà nell'atto della scrittura.


Difficoltà nell'uso dei numeri:


  • errori nel conteggio da 0 a 20;
  • errori nel passaggio dalla pronuncia alla scrittura dei numeri da 0 a 20;
  • difficoltà nel calcolo a mente entro il numero 10.

 

Gli esperti

Dr.ssa Letizia Giribaldi
Neuropsicologa 

Dr Stefano Pasqui
Psicologo Clinico

Dr.ssa Francesca Magnani
Psicologa Scolastica
Dr Davide Casto
Psicologo Clinico e Psicoterapeuta

Domande e curiosità

Grazie per averci contattato.

Vi risponderemo prima possibile.
Buona giornata.
Oops. An error occurred.
Click here to try again.

Dove siamo

Via San Martino, 13 - Forlì (c/o SAIPS)
via san martino, 13 forlì